• Giorgio Cesarano. L'oracolo senza enigma
Giorgio Cesarano. L'oracolo senza enigma

Giorgio Cesarano. L'oracolo senza enigma

Poeta, traduttore, diarista, autore teatrale e televisivo, critico radicale del capitale, tra l'esordio poetico con "L'e rba bianca" (1959) e l'anno del suicidio (1975) la rapinosa esistenza di Giorgio Cesarano attraversa il novecento nella bruciante persuasione di una verità filosofica: «L'uomo non è mai stato ancora». Critico del moderno, contro una tradita idea di comunità umana Cesarano ha disperatamente edificato una filosofia della salvazione da opporre alla mortifera globalità capitalista. A opere memorabili - da "Critica dell'utopia capitale" a "Manuale di sopravvivenza" - ha affidato una vertigine di pensiero: sognare la fine della preistoria come presente, accendere la luminaria della rivoluzione biologica, varare le ontologie del desiderio e della passione per annientare il senso morto dell'esistenza. Nella tensione visionaria del pensatore, questa grandiosa intuizione ha balenato in un orizzonte aurorale: la gioia e l'estasi per catturare il senso vivo di esistere. E al di là di ogni biopatia, erotizzare la totalità per guarire, per andare verso la vera vita, verso un altro vivere umano. Vedi di più