• Le ragioni del Buddha. In Asia centrale sulle tracce del buddishmo «d'Occidente»
Le ragioni del Buddha. In Asia centrale sulle tracce del buddishmo «d'Occidente»

Le ragioni del Buddha. In Asia centrale sulle tracce del buddishmo «d'Occidente»

Può l'Occidente costruire un'alternativa al proprio paradigma, meccanicistico e riduzionistico, senza per questo discono scerne i presupposti? "Le ragioni del Buddha" prova a dare una risposta affermativa, ipotizzando una riconciliazione con le "cose prossime" - ancorché riviste e corrette - che passa dapprima per quelle "remote": l'accelerazione appare in tal senso la conditio sine qua non del ripristino di uno stato di quiete. Del resto, quale espressione artistica se non quella del Gandhara può farsi portavoce delle convergenze tra piani semantici così diversi? "Le ragioni del Buddha" si muove pertanto in territori "di confine", in senso stretto e in senso lato, quale "ibrido" che esula dalla saggistica tradizionale e in quanto descrizione di un percorso articolato che dalla molteplicità dispersa e frammentaria del mondo sensibile giunge infine al vuoto che di quelle stesse manifestazioni è origine e fondamento. L'orientamento multidisciplinare, che abbraccia la filosofia e l'arte, d'Oriente e d'Occidente, unendo divulgazione a spunti narrativi, sancisce un punto di contatto tra mondi e (non) forme molto diversi, quasi volesse rivelarsi, in ossequio al "giusto mezzo" buddhista, un'unità soggiacente al dualismo tra orizzonti di segno opposto. "Le ragioni del Buddha" è questo e molto altro ancora. Vedi di più